Tag Archives: video

Ventimila Tegamini, chi ha vinto il Paccozzo del Mistero?

9 Nov

Ma chi me l’ha fatto fare.
Cosa mai mi è venuto in mente.
Fino a questo momento potevate solo intuirle, certe cose. Ma ora?
In questo malaugurato video faccio le vocine, dico MIRABILE in continuazione e m’imbarco in spiegazioni improvvisate di roba che non mi compete, soprattutto in fatto di smalti. E di gatti. In più gesticolo, esulto da sola e ad un certo punto me ne vado pure. Verso la fine, poi, sembro accusare l’universo di avere poca immaginazione… che non era per niente quello che volevo dire.
Santissimo il cielo.
Ed è anche lungo, questo inopportunissimo filmato.
Insomma, amici di Tegamini e partecipanti al contest, spero riuscirete a perdonarmi. Anzi, immaginate di guardare, che ne so, La Corrida. A mia discolpa dirò due cose: non ho fatto le prove – anche se ammetto l’esistenza di un curioso spezzone pre-estrazione, ma serviva per capire se si sentiva la voce e se ero in grado di sedermi in mezzo allo schermo -, vi sono grata per tutti i Tegamini che mi avete mandato – siete affettuosi e siete gentili e sono onorata di aver ricevuto la vostra attenzione.
E poi l’avevo promesso, croce sul cuore, e non potevo di certo privarvi della versione in movimento della borsa a forma di gallina. Quel che non prevedevo è che nel video ce ne sarebbero state due, di galline.
Ma ormai è tardi, il Paccozzo è tratto.
Vi coccolo e vi ringrazio – per parecchie cose, ma soprattutto per la tolleranza.

E ora che ho cercato – invano – di racimolare la poca dignità rimastami, chi avrà mai vinto il Paccozzo del Mistero? E soprattutto, che diamine c’è nel Paccozzo?

L’apocalittico video ce lo spiegherà.

 

Annunci

Nudi alla meta, ma con le unghie smaltate

7 Set

So che è un momento difficile per l’Italia.
I giovani si sconfortano.
I vecchi si sconfortano.
I piacenti uomini brizzolati di mezza età si sconfortano.
Le MILF lampadate si sconfortano.
Perfino le meretrici minorenni mettono il broncio e si ritrovano col mascara pieno di grumi.
Continuando a ruzzolare giù per questa splendida china, poi, potremmo addirittura svegliarci un mattino e leggere sul giornale che Renzo Bossi ha preso un phD in Ingegneria Biomedica, in canottiera bianca e sputazzando per terra. Dico così, tanto per non ricordare che Renzo Bossi ha lo stipendio più alto del mio e del vostro.
Insomma, unghie rachitiche che stridono sulla lavagna… nei secoli.
Ora però non ho tempo di pensarci. Scusate tanto, ma c’è qualcosa di più pressante. Di tutte queste bazzecole ci preoccuperemo in un secondo momento, perchè c’è qualcosa che dovete aiutarmi a comprendere. Subito! Non posso perdere un minuto di più a sperare, un giorno, di andare alla posta a ritirare la pensione, no! Che ce ne importa, in qualche modo si farà.
Ora no, devo dedicare tutte le mie energie e le mie scoppiettanti sinapsi all’esegesi di un video.
In questo video, che il Signore ci fulmini tutti quanti, troviamo un alpaca con le unghie smaltate di rosa.
Anzi, un alpaca nudo e tosato, con le unghie smaltate di rosa.
Un alpaca che risponde al nome di Lacey.
Che gioca con dei gattini.

 

Ci meritiamo ogni male.

L’amico delle bollicine zuccherose

21 Feb

Che dire, la Pepsi soffre di un antico complesso d’inferiorità nei confronti della Coca Cola. E come potrebbe essere altrimenti? La Coca Cola ha l’ingrediente segreto (uuuuu mistero), la Coca Cola ha creato il moderno distributore automatico, la Coca Cola ha la bottiglietta più iconica e riconoscibile del mondo, la Coca Cola ha inventato Babbo Natale. Come fai a competere con l’invenzione di Babbo Natale, nemmeno Gesù è riuscito a superare la popolarità di Babbo Natale, figurati la Pepsi, che non fa nemmeno parte di un qualche genere di trio trino. La cosa triste è che quando la Pepsi è lì lì per risollevare il capo e passeggiare spedita verso il frigo di qualcuno, la Coca Cola è irrimediabilmente in agguato, cinica e spietata. Ma facciamo un esempio, trasportiamo la disputa nel mondo reale, anzi, facciamoci trasportare dalla disputa sull’Intercity Lecce-Torino, un treno che è stato maledetto nei secoli da generazioni di viaggiatori, e soprattutto da te, che sei a Piacenza e ci sali dopo che un’umanità molto varia ci ha passato su ore e ore, stringendo amicizie che dureranno per tutta la vita. Perchè è verissimo, sali su un treno simile e dopo due scompartimenti ti accorgi senza possibilità d’errore che sono diventati tutti amici, tutti si vogliono bene, si incoraggiano, si nutrono vicendevolmente a pane e salame, urlano IN BOCCA AL LUPO al vicino che si alza per andare in bagno e nemmeno aprono il finestrino, tanto arrivano ad adorare i compagni di viaggio e i loro affettuosi effluvi.
Insomma, è un treno che fa paura di spavento.
Ma sul Lecce-Torino ci sali lo stesso perchè non hai alternative, vai al tuo posto e di fronte, in tutta la sua confusa gloria, trovi il paladino delle bollicine zuccherose.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: