Tag Archives: calcio

Contest! I vostri Tegamini – il ruspante Davidelico e gli animali da stadio

3 Nov

DAVIDELICO
from http://www.davidelicordari.com/
e che ci dice?

Cosa chiedere di più se non una birra, un chinotto, Twitter e la juve?


***

Mi sono da poco accorta che la Lazio, prima della partita, fa entrare in campo un’aquila viva. Sarebbe un’abitudine da esportare… per esempio – e come molto bene ci ricorda quel gobbo di Davide – la Juve potrebbe aprire le danze con una bella cavalcata di zebre, magari dandone una ad ogni giocatore. Sarà ben meglio entrare in campo con una zebra che con un marmocchio assonato per mano, no? Ci si mette lì e si fa brucare un po’ la zebra per il prato, con i tifosi che fanno coreografie elaboratissime a base di animali della savana in curva. E può funzionare per tutte le squadre, se ben ci pensiamo. L’Inter può liberare un po’ di biscioni – opportunamente pitturati – e la Roma può aprire le gabbie delle lupe. Anche il Palermo ha un’aquila, ma la loro è albina, ancora più coreografica… che ne so, possono adornarla di nastri e farla librare su e giù, sperando che abbatta la telecamera volante di Sky. Col Cesena si inizia a ragionare, perchè sul loro stemma campeggia un cavalluccio marino. Che problema c’è… si prende un vascone trasparente con le ruote e lo si trascina in mezzo al campo, dopo averlo riempito di ippocampi. Gioia e stupore per le folle. Momenti di suprema felicità per grandi e piccini. E riportiamoli questi bambini allo stadio, che prima della partita ci sono pure gli animali!
…in realtà sto dicendo tutto questo perchè il simbolo del Milan è il demonio.

L’amico delle bollicine zuccherose

21 Feb

Che dire, la Pepsi soffre di un antico complesso d’inferiorità nei confronti della Coca Cola. E come potrebbe essere altrimenti? La Coca Cola ha l’ingrediente segreto (uuuuu mistero), la Coca Cola ha creato il moderno distributore automatico, la Coca Cola ha la bottiglietta più iconica e riconoscibile del mondo, la Coca Cola ha inventato Babbo Natale. Come fai a competere con l’invenzione di Babbo Natale, nemmeno Gesù è riuscito a superare la popolarità di Babbo Natale, figurati la Pepsi, che non fa nemmeno parte di un qualche genere di trio trino. La cosa triste è che quando la Pepsi è lì lì per risollevare il capo e passeggiare spedita verso il frigo di qualcuno, la Coca Cola è irrimediabilmente in agguato, cinica e spietata. Ma facciamo un esempio, trasportiamo la disputa nel mondo reale, anzi, facciamoci trasportare dalla disputa sull’Intercity Lecce-Torino, un treno che è stato maledetto nei secoli da generazioni di viaggiatori, e soprattutto da te, che sei a Piacenza e ci sali dopo che un’umanità molto varia ci ha passato su ore e ore, stringendo amicizie che dureranno per tutta la vita. Perchè è verissimo, sali su un treno simile e dopo due scompartimenti ti accorgi senza possibilità d’errore che sono diventati tutti amici, tutti si vogliono bene, si incoraggiano, si nutrono vicendevolmente a pane e salame, urlano IN BOCCA AL LUPO al vicino che si alza per andare in bagno e nemmeno aprono il finestrino, tanto arrivano ad adorare i compagni di viaggio e i loro affettuosi effluvi.
Insomma, è un treno che fa paura di spavento.
Ma sul Lecce-Torino ci sali lo stesso perchè non hai alternative, vai al tuo posto e di fronte, in tutta la sua confusa gloria, trovi il paladino delle bollicine zuccherose.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: