Il poffoso alpaca

12 Nov

Sono assolutamente certa che la rubrica “Gli animali ti guardano” diventerà un MUST. A livello galattico.
Lo scopo di questo inutile agitarsi di dita sulla tastiera è il seguente: divulgare preziose nozioni zoologiche e incoraggiare l’armonia tra le creature.
Ma veniamo al dunque.
L’alpaca.

L’alpaca è una bestia bella, nonostante somigli a un collage di stivali Ugg.

Tecnicamente, è un camelide. Come il lama, la vigogna, il guanaco e la coperta più morbida che avete in casa. È un camelide che rumina e rimescola vegetali in ben tre stomaci. Per non stramazzare, l’alpaca ha bisogno di mangiare almeno un chilo d’erba al giorno, il che non è poi una cosa così esorbitante… ho visto bambini mangiare ben più di un maschio adulto d’alpaca nel pieno del vigore. La saltellante popolazione degli alpaca si divide in due razze, Huacaya e Suri. Visto che non ho la più pallida idea di cosa questa demarcazione comporti, direi di passare dignotosamente oltre.
Visto che sono così pelosi, gli alpaca hanno scelto di vivere sulle Ande peruviane, boliviane e cilene, ad altitudini arroganti di 3.000-5.000 metri sul livello del remoto mare. Da buon animale andino, l’alpaca ha il vezzo di sputare fortissimo su cose e persone, caratteristica che ha spinto l’uomo, sin dall’alba dei tempi, a servirsi del gagliardo e apparentemente innocuo camelide come bestia da tosare e non da cavalcare o da trascinare per chilometri in salita con roba pesante sulla schiena. Non escludo che  qualche stolto montanaro avesse provato a lanciare la moda dell’alpaca da soma. È certo che l’incauto morì sputacchiato.
Se immerso in acqua saponata, l’alpaca non infeltrisce. La sua lana, che può assumere una ventina di colorazioni naturali – tra cui sicuramente il rosa confetto, il turchese, il blu cobalto e il mimetico verde prato -, non contiene la volgare lanolina, sostanza responsabile della legnosità dei maglioni di tutti noi poveri bastardi.
L’alpaca viene tosato a primavera, circa un minuto prima che crepi di caldo sotto il peso del suo manto. Un alpaca maschio è in grado di produrre circa 4 chili di lana all’anno. 4 chili di lana d’alpaca sospetto riempiano uno sgabuzzino di dimensioni ragguardevoli. Costruzioni imponenti sono state erette in prossimità di recinti e fattorie per contenere tutta la lana ricavata dalla tosatura delle greggi. La necessità di questi fabbricati finisce spesso per mettere a repentaglio la redditività di breve periodo dell’allevamento dell’alpaca, costituendo anche una forte barriera all’ingresso di nuovi competitor nel settore. Quindi, l’allevamento dell’alpaca è una faccenda oligopolistica.
Mettere al mondo un mini-alpaca non è affare da poco. Le femmine partoriscono un solo piccolo l’anno, anche perchè la gestazione dura undici mesi e mezzo e resta poco altro da fare, a parte tentare di non morire di noia e cercare di non ruzzolare dalle pendici di qualche declivio. Alla nascita, accolta con belati di giubilo e sollievo – traducibili con “era ora, che diamine” –  i cuccioli sanno già ordinare al ristorante, applicare correttamente il teorema di Weierstrass, assemblare bestemmie composte, risolvere cubi di Rubik, suonare Chopin e sferruzzare variopinti ponchos con lana proveniente dal loro stesso giovane deretano.
L’alpaca non ha nemici nel mondo naturale. Nessuno vuole mangiarli. Nessuno prova gusto nel trucidarli. Nessuno dissemina tagliole per tranciare loro i robusti stinchi. Tutto questo accadeva molte lune fa, quando gli alpaca non volavano.

 

Annunci

18 Risposte to “Il poffoso alpaca”

  1. giovanna Gallo 12 novembre 2010 a 15:48 #

    MERAVIGLIOSO.

  2. Noemi 12 novembre 2010 a 16:13 #

    ok, mi dichiaro ufficialmente fan di Tegamini. ^^

  3. davide licordari 12 novembre 2010 a 16:39 #

    TI LOVVO.

  4. http://nwscycling.com 21 dicembre 2012 a 19:12 #

    This post Il poffoso alpaca Tegamini., has really wonderful advice and
    I actually learned just what I was searching for. Thanks.

  5. They take Visa along with Master card, permitting you to account your current account in the hours,
    or get all of them standing on their particular simply no
    put in bonus to get items coming. Each of the
    games tend to be unbelievably thorough and provide
    a plethora of characteristics and also jackpots simply ready being obtained.

    Ever would like you could potentially move back in time along with
    gamble together with people within the 1800s, willing to blast
    prior to wanting to know queries, especially if
    these people idea you were cheating? As a result, one of several merely means they might
    pay back an individual will be by providing you further to spend that you can use to play the online
    games, therefore upping your probability associated with successful and also avoiding anyone through paying too much of your hard-earned money.

  6. tiffany and co 7 luglio 2013 a 23:22 #

    Have you ever thought about including a little bit more than just your articles?
    I mean, what you say is fundamental and all. However think about if
    you added some great photos or videos to give your posts
    more, “pop”! Your content is excellent but with pics and clips, this website could
    certainly be one of the very best in its niche. Good blog!

  7. Charity 29 dicembre 2013 a 15:13 #

    I actually blog also and I am creating something very close to this particular blog post, “Il poffoso alpaca | Tegamini.”.
    Would you care if I reallywork with a lot of of your own ideas?

    Thanks for your time ,Keira

  8. Shellie 3 gennaio 2014 a 17:50 #

    I contemplate exactly why you titled this particular blog post, “Il poffoso alpaca | Tegamini.”.
    Regardless I enjoyed the article!Thanks for your effort,Ricardo

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il sempre frainteso narvalo « Tegamini. - 21 novembre 2010

    […] il glorioso debutto in sella al morbido alpaca sputacchione, nell’attesissima seconda puntata della rubrica “Gli animali ti guardano” ci […]

  2. La demenziale e tarantiniana sula dai piedi azzurri « Tegamini. - 21 dicembre 2010

    […] e senza nemmeno sudare, tipo Roger Federer – con esseri umani patologicamente fissati. Dopo l’apologia dell’alpaca e l’accorata inchiesta sul fragile equilibrio emotivo del narvalo, arriva finalmente il turno […]

  3. Addobbi d’alpaca « Tegamini. - 13 gennaio 2011

    […] dovrebbe senza indugi ridurre la sua ignoranza etologica. Sto parlando certamente del nostro beneamato e lanoso quadrupede andino, ma anche del malinconico narvalo e di quell’idiota della sula dai piedi azzurri. E dopo […]

  4. Nerita Peloronta, la lumachina mannara « Tegamini. - 3 gennaio 2012

    […] aver strabiliato le genti del mondo con le prodezze dell’alpaca, la patologica idiozia della sula dai piedi azzurri, l’eroico struggimento del narvalo e il […]

  5. Tegamini » Nerita Peloronta, la lumachina mannara - 17 gennaio 2012

    […] aver strabiliato le genti del mondo con le prodezze dell’alpaca, la patologica idiozia della sula dai piedi azzurri, l’eroico struggimento del narvalo e il […]

  6. Tegamini » Il sempre frainteso narvalo - 17 gennaio 2012

    […] il glorioso debutto in sella al morbido alpaca sputacchione, nell’attesissima seconda puntata della rubrica “Gli animali ti guardano” ci […]

  7. Tegamini » La demenziale e tarantiniana sula dai piedi azzurri - 17 gennaio 2012

    […] e senza nemmeno sudare, tipo Roger Federer – con esseri umani patologicamente fissati. Dopo l’apologia dell’alpaca e l’accorata inchiesta sul fragile equilibrio emotivo del narvalo, arriva finalmente il turno […]

  8. » La demenziale e tarantiniana sula dai piedi azzurri - 2 ottobre 2012

    […] e senza nemmeno sudare, tipo Roger Federer – con esseri umani patologicamente fissati. Dopo l’apologia dell’alpaca e l’accorata inchiesta sul fragile equilibrio emotivo del narvalo, arriva finalmente il turno […]

  9. » Il Contest-ini! – Susanna e il fiordalpaca - 12 ottobre 2012

    […] Tegamini fa ridere, e questo è importante. Io scelgo questo post: Il poffoso alpaca Gli dedico il fiordalpaca in degustazione gelataia. Il font Llamafont non offende il gentile […]

  10. » Il sempre frainteso narvalo - 28 marzo 2014

    […] il glorioso debutto in sella al morbido alpaca sputacchione, nell’attesissima seconda puntata della rubrica “Gli animali ti guardano” ci […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: